© Getty Images

© Getty Images

Pasta amore mio: e se fosse un male per la pelle?

Se il mento vi si spella facilmente o appaiono troppo spesso dei brufoletti molesti, potreste avere un problema col glutine. Scoprite con noi come risolverlo.

Glutine e celiachia sono ormai temi di cui tutti sanno almeno qualcosa. Probabilmente anche voi, tra le vostre conoscenze, annoverate qualcuno che non può mangiare niente a base di glutine, vero? Ma a parte le intolleranze che creano problemi seri, un pezzo di pane o di pizza o un piatto di pasta possono avere ricadute sulla salute della vostra pelle? Scopriamolo insieme!

La pelle è lo specchio della salute

Il dottor Nigma Talib, un naturopatologo autore del libro Reverse the Signs of Ageing: The revolutionary inside-out plan to glowing, youthful skin, crede fermamente che la salute della pelle sia legata non solo ai prodotti che usiamo, ma anche a quello che mangiamo. Per determinare quali gruppi di alimenti possono avere conseguenze sulla pelle, Talib ha utilizzato l’approccio della medicina tradizionale cinese: il face mapping. A seconda dei sintomi che la persona ha, possono risultare “4 facce di età” (o anche una combinazione). La faccia da zucchero, la faccia da vino, la faccia da latticini e quella da glutine.

Magari un viaggio nell’ufficio del dottor Talib a Londra potrebbe essere un po’ fuori mano, ma potete sempre studiarvi la pelle del viso per capire se il glutine ha delle conseguenze o no. Vedete puntini rossi, brufoletti, macchie, gonfiori ed un colorito in generale spento? Allora la risposta è positiva.

Cosa fare quando il glutine ha un impatto negativo sulla pelle?

Ovviamente eliminarlo dalla dieta, oppure ridurlo considerevolmente. È vero che per un italiano rinunciare a pasta, pizza e affini può essere un vero trauma, ma bisogna pensare all’altra faccia (è il caso di dirlo) della medaglia. Ridurre il consumo di carboidrati migliora il lavoro dell’intestino, garantendo una pancia più sgonfia e un maggior senso di benessere. E se proprio non riuscite a farne a meno, ci sono sempre i sostituti gluten free. Ormai in commercio trovate dalla pasta ai preparati per pizza e dolci, muffin, croissant, tutto quello che volete libero da glutine. Il gusto della pasta non vi convince? Sbizzarritevi coi condimenti a base di verdure: ringrazieranno palato, salute e pelle!

E se vi mancasse la creatività potete sempre fare un giro su Instagram e sfogliare le oltre 8 milioni di foto taggate #glutenfree.

Il glutine causa infiammazione, quindi è importante bere molta acqua, evitare lo stress (magari con la meditazione) e mangiare cibi che la combattano, come noccioline e affini, verdura a foglia verde come spinaci e un sacco di frutta. In questo modo aiuterete la pelle ad essere più luminosa. E non dimenticate di mantenere la pelle pulita e idratata seguendo una routine quotidiana e usando i prodotti più adatti a voi.

Per riassumere, a meno che non siate celiaci un piatto di pasta non avrà grandi conseguenze: ma se potete avere una pelle più bella, perché non preferire una porzione di riso integrale e spinaci?

more # Health

Ti potrebbe interessare

altri articoli